Oggi parliamo di “Ciao Cielo” di Dianne White (testo) e Beth Krommes (illustrazioni); poeticamente tradotto da Bruno Tognolini e pubblicato da Edizioni Il Castoro.

***

Chi ha paura del temporale? A chi piace vederlo arrivare?

Sulla pagina azzurra del cielo, nere nubi si affollano in un baleno. C’è chi le guarda, chi si nasconde, chi ancora naviga in mezzo alle onde.

Cade la pioggia, son molte le gocce sembrano quasi folla di docce.

Un bimbo piange ma lì c’è la mamma, e c’è chi osserva là nella stalla. Tanta è la pioggia, ancora di più, a scrosci continua a venir giù.

Io ancora lo guardo e mi meraviglio, il bel temporale che porta scompiglio.

Poi piano piano tutto si calma, la pioggia svanisce e il sole mi abbaglia. Nel fango mi rotolo e sono contenta, il gran temporale più non spaventa.

La sera ora arriva e a casa si torna, poi è la notte che ci circonda.

                  “Stelle che tremano

Gocce d’incanto

Oro su nero

Notte d’argento”

Questo slideshow richiede JavaScript.

***

“Ciao Cielo” ci racconta la storia di un bellissimo temporale e di chi lo sta a guardare. Una giornata tutt’altro che rovinata dall’improvviso scroscio. Il cielo da azzurro si fa nero e poi nuovamente torna il sereno: lo spavento diventa meraviglia e poi gioco. Il temporale non fa più paura ma regala incanto e divertimento, fino al calar del sole.

Le parole sono poesia e le immagini, energiche e decise, accompagnano alla perfezione lo svolgersi di questa meravigliosa giornata di tempesta.

***

Ciao Cielo, Dianne White (testo) e Beth Krommes (illustrazioni). Traduzione poetica di Bruno Tognolini. Editrice Il Castoro, 2016.

Annunci